lunedì 26 settembre 2011

La voce dentro di Sara Gran

A prima vista quella di Amanda sembra una vita perfetta: una carriera di architetto davanti, un compagno ideale al proprio fianco, un loft delizioso. La sua quotidianità, che è ciò che ha sempre voluto,  a un certo punto si sfalda e la donna comincia il suo drammatico percorso verso la distruzione sua e di chi le sta intorno. Una voce dentro le comincia a sussurrare delle cose, la coccola, la sprona a fare cose che prima non avrebbe mai pensato di fare. Una voce che si rivela essere quella di Naama, la seconda sposa di Adamo, l’essenza dello spirito femminile.

Considero la voce dentro come il miglior testo che narra di possessione. Il libro si legge tutto d’un fiato, la scrittura è fluida, veloce, i capitoli sono brevi e portano avanti la storia senza punti morti. Sara Gran affronta la possessione in maniera del tutto originale, aperta a tanti punti di riflessione.
Amanda, la protagonista, è davvero posseduta dal demone di Naama o sta diventando pazza? Oppure soffre dello sdoppiamento di personalità?
Adoro questo libro.

2 commenti: